c Archivi Notices - Melendugno to you

A Bari il Comune di Melendugno presenta MelendugnoToYou Card

Domani 13 settembre 2018 alla Fiera del Levante di Bari il Comune di Melendugno nell’ambito della conferenza “L’attività dei Distretti Urbani del Commercio” presenta la MelendugnoToYou Card, un’applicazione elaborata in seno al DUC Terre di Acaya e Roca, che consente al turista di usufruire gratuitamente dei servizi legati al pagamento della tassa di soggiorno.

Utile? Condividilo su:

“Le vie del sapore” a Melendugno: domani la conclusione della manifestazione alla prima edizione

Si conclude domani, martedì 14 agosto, la prima edizione de “Le vie del sapore” a Melendugno, manifestazione nata dall’iniziativa del Consigliere delegato alle attività produttive Piero Marra, con l’intento di valorizzare e promuovere le produzioni del territorio al fine di farne conoscere qualità e proprietà che li caratterizzano.

Utile? Condividilo su:

5 vele Legambiente 2017

Per il sesto anno consecutivo al Comune di Melendugno viene assegnato il riconoscimento delle 5 vele Legambiente.

Il Comune di Melendugno anche quest’anno, con grande orgoglio, si vede assegnato il riconoscimento di Legambiente “5 vele”.

Un riconoscimento che arriva a coronamento di anni di sforzo, impegno e passione per il nostro territorio. Il Sindaco Marco Poti ringrazia “per il suo straordinario impegno Maurizio Cisternino. E’ un premio da condividere con tutti gli operatori turistici, la giunta e tutti coloro che si impegnano per tutelare il nostro ambiente”.

 

Melendugno è riconosciuta al 5° posto in Italia come comprensorio marino a 5 vele, confermando così di essere tra le eccellenze turistiche nazionali.

Utile? Condividilo su:

Bandiera Blu 2017 – le 11 perle della Puglia

Poker del Salento. La regione riconferma tutti i vessilli che premiano la pulizia del mare e i servizi. Un alto valore simbolico ha la scelta di Melendugno. In Basilicata premiate Policoro e Maratea

Conferme su tutta la linea per le 11 bandiere blu della Puglia, con il Salento che mantiene lo scettro dei riconoscimenti mentre il Gargano continua ad essere latitante. L’elenco delle località premiate dalla Fee (Foundation for environmental education) vede in testa alla classifica regionale la provincia di Lecce (con Otranto, Melendugno, Castro e Salve), poi Brindisi (Carovigno, Ostuni, Fasano), Taranto (Castellaneta e Ginosa), Bari (Polignano a Mare) e Bat (Margherita di Savoia). Completamente assente, anche quest’anno, la provincia di Foggia. Confermate anche le due Bandiere Blu attribuite alla Basilicata, ovvero Policoro (in provincia di Matera) e Maratea (Potenza).

Bandiera Blu 2017

La consegna delle Bandiere Blu è avvenuta a Roma e consentirà a 11 fra le più importanti località balneari della Puglia di avvalersi, anche per l’imminente stagione estiva, di un riconoscimento dall’alto impatto mediatico e dal forte potenziale attrattivo nei confronti dei turisti. Bandiera Blu significa qualità delle acque marine ma anche depurazione, gestione dei rifiuti, servizi e sicurezza sulle spiagge, regolamentazione del traffico veicolare: tutto ciò che può contribuire a rendere la vacanza un ottimo ricordo.

Perché il mare pulito, da solo, ormai non è più sufficiente per fare la differenza.
Bisogna coniugare la salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente con la crescita del territorio – ha commentato il sindaco di Otranto, Luciano Cariddi – L’offerta turistica deve essere fatta anche di professionalità nell’accoglienza, paesaggi ben tutelati, patrimonio culturale fruibile. Questo abbiamo cercato di fare a Otranto
E lo stesso hanno provato a fare altre cittadine costiere, alcune delle quali vivono quasi esclusivamente di turismo, come Salve, Castro e Melendugno, il paese che da due mesi si batte contro la realizzazione del gasdotto Tap, sventolando la Bandiera Blu fra i trofei che ne dimostrano la vocazione esclusivamente turistica.

Molto buona, nel rapporto tra fascia costiera e numero di riconoscimenti ottenuti, la prestazione di Brindisi, che piazza in classifica tre delle sei località affacciate sul mar Adriatico, mantenendo la posizione conquistata l’anno scorso da Carovigno grazie alla riserva naturale di Torre Guaceto. Mentre arranca la costa ionica leccese, che non riesce a conquistare l’ambito vessillo neppure per località molto amate dai turisti, come Gallipoli, Ugento e Porto Cesareo.

Stesso discorso per le marine di Manduria, da settimane alle prese con la mobilitazione popolare contro la realizzazione del depuratore nei pressi della Riserva delle Saline. Tra Bari e Bat i risultati confermano l’uscita di scena di Monopoli, bandiera blu dell’Adriatico per molti anni, e la presenza della vicina Polignano a mare, nonché dell’ormai storica Margherita di Savoia. Resta sempre al palo il Gargano, che non riesce a far entrare nella lista delle località elette dalla Fee Vieste, Manfredonia, Rodi, a causa della scarsa interazione tra le varie voci che vengono valutate dalla giuria internazionale.

Cinque riconoscimenti sono stati assegnati anche agli Approdi turistici Blu della Puglia: ovvero i porti di Cala Ponte Marina (Polignano), Marian di Brindisi (Brindisi), Marina del Gargano (Manfredonia), Porto turistico di San Foca (Melendugno) e Porto turistico Marina di Leuca (Santa Maria di Leuca). Per quanto riguarda la Basilicata, invece, restano invariate le cittadine insignite del premio, Policoro e Maratea, ma quest’ultima cambia le località indicate come migliori: Castrocucco, Macarro e Acquafredda.

Fonte Repubblica.it – Bari

Utile? Condividilo su: